Vai alla pagina web di Flavio Baroncelli: http://www.dif.unige.it/dot/baroncelli/


 
Viaggio al termine degli Stati Uniti
Mercoledì 23 Maggio 2007, ore 21
Teatro Modena, via Buranello (Sampierdarena)
ingresso libero

copertina     TAVOLA ROTONDA con:

   

    Luca Beltrametti,
    Ferdinando Fasce,
    Emilio Mazza

    letture di
    Giorgio Scaramuzzino

     coordina
     Pietro Cheli

Negli Stati Uniti Flavio Baroncelli, professore di Filosofia morale all’Università di Genova, c’era andato per curarsi da un male che lo ha sconfitto lo scorso 20 febbraio e, come scrive, si era trovato a “partire con un malanno addosso e tornare con un libro in testa”.

È Viaggio al termine degli Stati Uniti, pubblicato dalla Donzelli, diario alla cui origine ci sono “il piacere di raccontare e il vizio di mettere insieme ipotesi politiche e filosofiche”. Un percorso di annotazioni e appunti sparsi su un’America poco frequentata dai turisti e ignorata dagli intellettuali, fatta di deserti urbani, campagne desolate, strade che si perdono nel vuoto, file di baracche in attesa di uragani. Pagina dopo pagina il racconto si fa acuto, amaro, ironico sugli americani di oggi. Gente qualunque, incontrata per caso negli ospedali, nei ristoranti, negli uffici, che vive in situazioni di più o meno drammatica povertà, e che però ha dimostrato di riconoscersi, senza incertezze, anzi vantandosene, nella politica di George W. Bush.

Per discutere delle idee di Flavio Baroncelli, al teatro Gustavo Modena, mercoledì 23 maggio ore 21, si riuniranno diversi colleghi e amici, assieme all’economista Luca Beltrametti, allo storico dell’America Ferdinando Fasce (dell'Università degli Studi di Genova), allo storico della filosofia Emilio Mazza, che insegna allo Iulm di Milano, e a Pietro Cheli, cronista culturale. Giorgio Scaramuzzino leggerò  alcuni brani di Baroncelli. E poi microfono aperto agli interventi di colleghi, allievi, e amici.

Sugli ultimi libri di Baroncelli

Flavio Baroncelli (1944-2007) ha insegnato Filosofia morale all’Università di Genova. E' stato direttore del Dottorato di filosofia del Dipartimento di filosofia dell'Unviersità di Genova. Ha pubblicato diversi saggi e volumi, tra cui ricordiamo il volume su Hume, Un inquietante filosofo perbene (la Nuova Italia, Firenze, 1975)  e, da ultimo, prima del testo di cui si parlerà mercoledì, uno degli ultimi  lavori dal titolo Il razzismo è una gaffe. Eccessi e virtù del «politically correct» (Donzelli, 1996).

Profondamente influenzato da Hume, Baroncelli ha sempre considerato lo scetticismo una filosofia ragionevole e lo stile analitico-ironico uno strumento di comunicazione idoneo a tale impostazione. Il tentativo di conciliare tutto questo con le proprie personali convinzioni egualitarie e solidaristiche è stata una impresa  sempre affrontata  con inspiegabile ottimismo. Oltre che saggi e libri per l'accademia e per il grande pubblico, Baroncelli ha scritto per «Il Secolo XIX», «La Voce» di Montanelli «l’Unità» e «Diario».

Su Flavio Baroncelli:

Di Flavio Baroncelli






line