Brevi suggerimenti per leggere e scrivere in filosofia

  1. CONTESTUALIZZARE (Who? What? When? Where?) [libro: titolo, indici e 4 di copertina; articolo: fonte]
    1. Chi lo ha scritto e Qual è l'argomento
    2. Quando è stato scritto e dove (corrente di pensiero, casa editrice o rivista...)
  2. SCOPO  (Why?)
    1. Quali conclusioni (tsi principale) si vuole raggiungere?
    2. A quali altre posizioni si contrappone e perché?
    3. Perché la conclusione (o le conclusioni) è interessante?
  3. STRUTTURA (How?)
    1. Come è organizzato il saggio?  (a grandi blocchi)
    2. Quali dati (storici o concettuali) giustificano le tesi proposte?
    3. Quali  premesse sono assunte impliciamente?
    4. Prova a ricostruire tesi e argomentazioni con parole tue.
  4. CRITICA (What not?)
    1. E' l'argomentazione (la tesi-le tesi) valida o giustificata?
    2. Se no dove è errata o confusa?
    3. Sono accettabili le premesse?
    4. Se no, quali rifiuteresti e perché?
  5. DISCUSSIONE (What more?)
    1. Se accetti l'argomento e la conclusione, cosa altro segue?
    2. Se non l'accetti, come potresti "aggiustare" gli argomenti dati oppure costruirne altri sia a favore, sia contro?
  1. COSA:  Chiarite quale argomento volete trattare o quale parte di un lavoro altrui volete criticare.
  2. SCOPO: Qual è lo scopo del tuo pezzo? riassumere e criticare, commentare, proporre una tesi.....
  3. STRUTTURA: Pensa alla struttura del tuo lavoro
    1. chiarimento dello scopo del lavoro
    2. premesse accettate
    3. argomenti usati
    4. conclusione
    5. NB alla fine fai un riassunto breve da mettere all'inizio per spiegare in poche parole il succo del discorso
  4. METODO:
    1. Usa le tue parole nel riassumere - ricostruisci l'argomento dell'autore considerato con parole tue.
    2. Le citazioni sono benvenute se brevi. MAI riportare pezzi interi senza virgolette (è PLAGIO).
    3. Mettiti nei panni del lettore: sii semplice e esplicativo.
    4. Definisci chiaramente i concetti introdotti per la prima volta (specie se tecnici o inusuali).
    5. Rendi chiaro la differenza tra quando fai un resoconto di idee altrui o una esposizione del tuo punto di vista.
    6.  Non limitarti a dire: la penso così:
        1. giustifica le tue asserzioni (dà le ragioni; argomenta);
        2. presenta esempi (e controesempi a quelli che vuoi criticare, mpstrando dove l'argomento non convince);
        3. mostra le tue conclusioni derivano da quanto hai scritto precedentemente.
  5. RILEGGERE: Rileggi il tuo pezzo, controllandolo come se fosse d'altri (e si ritorna da capo ai punti di "leggere").

(Carlo Penco: Sezione di Epistemologia-Filosofia del Linguaggio)
versione 20.03.06/riv.2011

Esistono molti suggerimenti per organizzare e scrivere bene un saggio filosofico;
alcuni suggerimenti in inglese si trovano sul web nella pagina da cui sono state prese queste note.