Epistemologia   home

research/ricerca

you may find here some old research program at the end of the Nineties and at the beginning of 2000



Main lines of Epistemology Research programs:

– Aspects of Metaphysics and General Methodology and Philosophy of Science
   (Michele Marsonet, Cristina Amoretti)
– Epistemology end Feminist Philosophy
   (Nicla Vassallo e Cristina Amoretti)
– Logic, History of logic and Teaching application
   (Dario Palladino)
– Philosophy of Mind and teaching application
   (Luisa Montecucco)
– Computation and application of Logic to Natural Language Processing
   (Marcello Frixione, Daniele Porello)
– The Semantic-Pragmatic boundary and Philosophy of language
   (Carlo Penco, Massimiliano Vignolo)







After 2003 we have abandoned the habit to keep a list of research programs, which are now listed in different sections of the general list of the University Research Programs.

Research Programs 2001-2003

See also researches during years 1996-1999, 1999-2001





Internismo/esternismo: gnoseologia e filosofia della mente
Internism/externism/ Epistemology and Philosophy of Mind


Topics:
- Rationality
- History of ideas
- Quine and Davidson

DESCRIZIONE DEL PROGETTO
Il progetto si propone di analizzare i rapporti tra internismo ed esternismo nella teoria della conoscenza e nella filosofia della mente. La differenza pi� palese tra le posizioni interniste ed esterniste � che le prime, ma non le seconde, ammettono e richiedono che il soggetto fornisca ragioni per le sue credenze ed intenzioni. Si apre cos� il classico tema della razionalit� (sia del senso comune che scientifica). Diviene cosi' interessante un confrono su questi temi, anche sondando una lunga riflessione che vede la pastecipazione di Platone, Aristotele, Descartes, Spinoza, Hume, Kant, Frege, Husserl, Quine e Davidson.




Contextual reasoning: cognitive content and linguistic expression
Topics
Philosophy of language
Philosophy of psychology
Philosophy of logic
Cognitive Science

DESCRIPTION OF THE PROJECT
The general topic of the research is the relevance of linguistic expressions in determining or understanding cognitive contents. The starting point si linked to reasoning: how much can the "correct" reasoning (represented in classical formalisms) give the cognitive contents of commonsense reasoning? How much the widening of the field interest in logic - from the formalization of mathematical reasoning to the formalization of commonsense reasning - implies a change in the basic formalisms we use? Among different answers to these questions there is a common core realized in the recent convergence of diffentent fields (probabilistic reasoning, default reasoning, non monotocin logics, abductive logics...). Among the many specific projects we mostly rely upon multi-context logics, developed since the last '90 (McCarthy, Guha, Giunchiglia, Bouquet). These logics give a central role to the concept of context as a specific formal object. The aim of the research is to clarify the relevant connections between this kind of approach and some research lines in philosophy, particularly dealing with Brandom's inferential semantics and the logic of indexicals as studied by Perry.
LOCAL BACKGROUND KNOWLEDGE.
Our background deals with two aspects of the field study of commonsense reasoning:
(I) On the one hand researches in psychology (at least from Kahneman and Tversky onwards) have shown that some "incorrect" arguments may be plausible, so that we might think of different underlying logics. This does not imply that mental processes express something normative, but that they may be studied under some normative analysis given by formalisms more appropriate than classical logic. The Acts of a recent Congress on Commonsense Reasoning organized by L. MONTECUCCO are a robust ground for the research group (which participated with many speakers in the Congress). The study of commonsense reasoning belongs to what is often called "uncertain reasoning" (M. BENZI), which is at the intersection of different field studies, at least starting with studies on non monotonic reasoning.
(II) On the other hand, starting from J. McCARTHY and F. GIUNCHIGLIA, researches in artificial intelligence have developed, in the last ten years, a specific research field on contextual reasoning. In this field we have now a robust international community which has regular meetings ("Context"), the last of which has been organized by P. BOUQUET, a member of our research group. A.I. formalisms in knowledge representation and contestual reasoning might express reasoning processing which is not easily expressable in more classical formalisms. C. PENCO has underlined the similarities between researches on context in a.i. and R.BRANDOM'S inferential semantics (which is central among normative approaches on reasoning).
. In both of these field the problem of the relationship between cognitive content and linguistic expression is higly debated on two sides: (i) the relationship between formal languages and underlying mental processes; (ii) the relationship between linguistic expression and the understanding of cognitive aspects.
On (i) we may ask whether a.i. formalisms are a correct or useful expression of underlying mental processes, or - on the other hand - they may be better undestood as expression of linguistic (semantic) competence of the speaker as an idealized social subject. On the contrary we might ask whether the proposals made by cognitive psychologists (like P. JOHNSON-LAIRD) are a contribution to build new formalisms or are reducible to more traditional ones.
On (ii) we are dealing with the recent debate about the meaning of "context": shall we think of context as "objective" (as in D.KAPLAN tradition) or as "cognitive" (as it is partly in STALNAKER's point of view or in McCARTHY himself)? Which are the relations between the two concepts? If we speak of "cognitive context", which aspects of the linguistic expression are evidence to understand the background assumtions? One of the most studied feature of this problem is given by the relevance of demonstratives and indexical expression like "I", "here", "now". The proposal of a logic of demonstratives made by D. Kaplan has met some criticism; we rely mostly upon the view proposed by J. PERRY, and developed critically by S. PREDELLI and C. BIANCHI.
SOME LOCAL PROJECTS
- Theory of Perception and Austin - seminar
- Workshop on pragmatics and semantics october 2002
- Readings on contextualism in connection with Context Web


back to top



Research Programs 1999-2001




MURST-National Research. Research Program - Genoa 1999-2001:
"Truth, Non-classical Logics and Logical Pluralism"

Genoa unit: M. Marsonet (local coordinator), E. Agazzi, D. Palladino, G.C. Giacobbe, P. Musso, M. Benzi, A. Betti, N. Vassallo, G. Ronzitti.
Main title of the National Research directed by Carlo Cellucci (Roma - La Sapienza): Truth, Demonstration and Representation in History and Philosophy of Logic. (Universities involved: Roma "Sapienza", Roma 3, Genova, Bologna, Firenze,Milano (Cattolica) Salerno, Padova, Pisa, Siena, Bari, Urbino).

The problem of truth in non-classical logics is a fundamental issue in the philosophy of logic. Today we have a variety of systems more or less different from classical logic. What does it mean, however, 'different' in this context? To answer this question we must take into account the reasons which prompt some authors to build non-classical logical systems. Sometimes they are purely formal. But often the construction of a non standard system is due to the conviction that classical logic is wrong and contemplates a too narrow notion of 'truth'. Many-valued systems, for instance, are allegedly alternative to classical logic, while modal systems are usually taken to be simple 'extensions' of it. The debate on this issue is still open both in Italy and abroad, and deserves for sure a careful examination. The program's aim is to point out a basic fact: the existence of a variety of logical systems poses problem for both the status of logic and the notion of truth within it. The fundamental question to be addressed is the following: are there good reasons for modifying (in any sense) classical logic? The same presence of different systems, in fact, is not sufficient for answering such a question, since some authors take non-standard systems to be formal tools (without plausible interpretations). The presence of different logical systems gives rise to three fundamental positions: (1) Monism:There is only one correct logical system. (2) Pluralism: There are several correct logical systems. (3) Instrumentalism: There is no absolutely correct logical system, because the notion of correctness is linked to the conceptual scheme which is adopted. We can thus verify that in contemporary logic pluralism is actually real: we have to cope with a variety of systems. Still, the following question remains open: 'How can we choose among so many systems without presupposing, from the onset, that one is better than the others'? The question of the plurality of logics has been lively discussed, especially in the first decades of our century, mainly as a consequence of the construction of several logical calculi. The famous statement by Rudolf Carnap: "In logic there is no moral" wanted to stress that the same mature modern awareness - that had obliged people to overcome, for example, the old view that there is just one genuine geometry, after the construction and the full acceptance of the non-Euclidean geometries - had to be applied to logic too. Therefore, there is no genuine logic, but many possible logics, whose admission is suggested (but not imposed) by practical considerations. One could also claim, however, that the plurality of logics is not an evidence imposed on us by the de facto situation of the existence of many logical calculi, for these are often only different formulations of a given logic. Such a plurality would rather result from the distinction between pure and applied logic, since the plurality of logics derives from the plurality of the applications of logic, which can entail certain integrations, restrictions or modifications of the rules of pure logic. This happens because the applied logics are nothing but idealizations of the correct reasonings humans adopt (or apply) in the different contexts of their experience, when they try to provide a justification (by means of such reasonings) of certain judgments that are not immediately supported by the kind of evidence characteristic of a given type of experience. If we endorse this stance, standard logic remains basic in two senses. First, because it is the fremework within which all the other logics are expressed and formulated (it is, so to speak, the logic governing the meta-considerations regarding those logics). Secondly, because even the special logics are nothing but an effort of fulfilling the task of logic as such, that is, to find explicit and controllable rules for checking the correctness of our reasonings, in the sense that they remain faithful to the links of 'logical consequence'. Therefore it is perfectly 'logical' to admit as many special logics as they are required for making explicit the conditions of logical consequence in the different types of discourse. Our program means to explore both the possibilities mentioned above: (a) the stance endorsed by those who claim that there really are alternative systems to classical logic, and (b) the position according to which logic is essentially one. The final objective is to find out what stance is supported by better arguments.




MURST-National Research. Research Program - Genoa 1999-2001:
"Structures of Knowledge and Structures of Reasoning. A Study on the Limits of Holism"

Genoa Unit : Horacio Arlo Costa, Paolo Bouquet, Carlo Dalla Pozza, Luciana Di Serio, Marco Ferrante, Luisa Montecucco, Annagrazia Papone, Carlo Penco, Paolo Aldo Rossi, Massimiliano Vignolo...
Main title of the National Research Program directed by Paolo Parrini (University of Florence): Knowledge and Cognition. (Universities involved: Bologna, Firenze, Genova, Macerata, Padova, Parma, Piemonte Orientale, Roma3, Siena, Torino, Trieste).

Description of the Research Program

Recent developments in Cognitive Science appear to converge towards the adoption of the following methodological criterion for the theories of cognition:
METHODOLOGICAL CRITERION An investigation on knowledge and reasoning is linked to the study of the structures which build up the set of beliefs of a cognitive system - be it natural or artificial. This investigation has two constraints: � on one hand, the knowkledge of a certain agent cannot be considered as a unique big theory embedding all his beliefs, but as a set of smaller theories (called by various authors "contexts", "micro-theories", "mental spaces", "partitions", ...). Each of these theories represents a more or less wide subset of what the agent knows or believes. � on the other hand, these different sets of beliefs are organized in a structure, whose general proprieties allow to connect the contents given in each of them with the contents of the other sets. In Cognitive Science such ideas are used as leading principles for the solution of important problems. In sectors like linguistics, psychology and artificial intelligence this methodological criterion is a well grounded assumption. In what follows we give some relevant examples of this trend of thought.
In COGNITIVE LINGUISTIC the methodological criterion finds a well known application in Fauconnier's theory of "mentale spaces". Here the basic assumption is that discourse understanding essentially depends on the interpreter's ability to build a set cof interconnected cognitive spaces. These spaces enclose representations of different parts of speech, while the relations among spaces help to explain particular phenomena such as time and modality, conterfactuals, metaphors. Besides this approach which is strictly linguistic, we refer also of the functional version of mental spaces given by J. Dinsmore. His theory of "partitioned representation" constitutes a link between linguistics and theory of reasoning in A.I.
In PSICHOLOGY one of the main novelties in thes last years has been the discussion on the concept of "mental model", developed by Johnson-Laird. Mental models are presented as models whose structure does not correspond to the linguistic structure, but to the structure of the real situation. Mental models are abstract semi-analogical representations where what counts is not the subjective aspect, but the structure of the model (even if the structure of the model is the result of a subjective choice). Mental models are a central concept for the study of thought. Johnson Laird's work which started from a study on syllogism and spatial reasoning becomes more and more a general work on the structure of deductive and inductive reasoning. Our research would work on an aspect of this program of research, viz. the strategies for choosing mental models and for choosing the elements to put in a model, together with the strategies to jump from one model to another.
In ARTIFICIAL INTELLIGENCE (AI) the above mentioned methodological criterion is the ground of recent developments on formalizing context and contextual reasoning. From the theorical point of view two main approaches are relevant to our research: 1. The "logic of context", developed by J.McCarthy and his group (R.Guhan S. Buvac, T. Costello, A. Ayal...) at Stanford University; 2. The "logic of contextual reasoning" developed by F. Giunchiglia and his group (LSerafini, C.Ghidini, P.Bouquet, M.Benrecetti...) at Trento.
1. The Logic of Context has been used to face such problems as: - the problem of generality (the representation of a certain knowledge must be enough general to allow its use for different aims in differnet domains); - the mechanism of transcendence (given a representation of a fact, it is always possible to find another representation which explicates some implicit assumption); - the tolerance to elaboration (given a theory used to solve a certain problem, it must be possibile to use it again with small modification to solve a problem similar to the original one).
2. The Logic of Contextual Reasoning is based on two principles. The first, called "principle of locality", asserts that every reasoning process uses only a subset of the knowledge of a certain agent (the subset is called "context"); the second, called the "principle of compatibility", asserts that there are structural restrictions among reasoning processes which are developed in different contexts. These two principles are used to face not only problems linked to the notion of context in A.I., but also to build a single unified framework where to face problems which are traditionally treated in philosophy of language (e.g. indexicals and opaque contexts).
In PHILOSOPHY the discussion on cognitive structures and on belief systems has a wide tradition of work which is strictly connected with reaserches in logic, expecially in epistemic logic and belief revision. A deeply rooted tradition is the holistic analysis of meaning and belief, developed from W.V.O.Quine e Donald Davidson. The meaning of and expression is connected with the system of belief and depends on the totality of beliefs of an agent. This theory has received strong criticisms, expecially - in different perspectives - from Michael Dummett and Jerry Fodor: if meaning depends on the entire system of beliefs, nobody would be able to share meaning, to give the same meaning to the same words: communication wuold become impossible. On the other hand we are in front of a new development of an holistic vision of meaning inside an inferential semantics: the proposal - by Robert Brandom - has intereting hints, but seems unable to go beyond the criticisms to holism developed in these last years. We believe that philosophy could be helped by results in the above mentioned fields of research in order to find a new perspective on the problem of the structure of knowledge - explaining what is important in the holistic idea without falling into the contradictions that such a vision implies.





Research Programs 1995-1999 -
For the activities organized during these years (seminars and conferences) see here




1. filosofia della scienza ed epistemologia - MURST

2. filosofia del linguaggio e scienze cognitive - MURST

3. competenza semantica e senso comune - CNR

4. applicazione dei modelli logici nell'epistemologia - CNR

back to top


1. Ricerca Nazionale MURST 97-99 - filosofia della scienza ed epistemologia

COMUNICAZIONE, INTERSOGGETTIVITA' E REALISMO SCIENTIFICO

coordinatore Michel Marsonet (con E. Agazzi, D. Palladino et alia)

(partecipa alla ricerca coordinata da Carlo Cellucci (Universita' di Roma I "La Sapienza") su: MODELLI LOGICI ED EPISTEMOLOGICI DELLA COMUNICAZIONE E DELL'INTERAZIONE, in collaborazione con le universita' di Roma III (Vito Michele Abrusci), Roma Luiss (Dario Antiseri), Salerno (Roberto Cordeschi), Cagliari (Silvano Tagliagambe), Genova (Michele Marsonet), Cosenza (Angelo M. Petroni).

Descrizione del programma di ricerca

Il programma si propone di evidenziare come le proposte di alcuni autori contemporanei (ad es. W. Sellars e W.V. Quine) che svalutano l'immagine del mondo del senso comune a favore di quella scientifica e, per converso, le tesi di altri autori (ad es. D. Davidson e R. Rorty) che sopravvalutano l'immagine del mondo del senso comune a scapito di quella scientifica, non rendono giustizia alla complessita' del reale. Si intende quindi dimostrare che esiste una discrasia tra realtà in quanto tale e realtà accessibile al soggetto.

1997-1998

1998-1999

Descrizione del programma nelle sue linee teoriche generali:

L'unità di ricerca genovese, inserita nel programma nazionale "Modelli logici ed epistemologici della comunicazione e dell'interazione", si occuperà dei rapporti tra comunicazione, intersoggettività e realismo scientifico. Si è spesso affermato nel pensiero contemporaneo che la visione scientifica del mondo è destinata, almeno a lungo termine, a sostituire l'immagine del mondo del senso comune. E' stata, questa, la posizione sostenuta da Wilfrid Sellars nel celebre saggio "Philosophy and the Scientific Image of Man" e in altre sue opere. D'altro canto la tesi di Quine dell'indeterminazione della traduzione radicale comporta l'impossibilità di stabilire, almeno in senso assoluto, di che cosa effettivamente parla una teoria scientifica; il linguaggio ordinario è in questo senso presupposto, e l'edificio speculativo della scienza non può essere visto come una forma di conoscenza che possa del tutto prescindere dal linguaggio usato nella vita quotidiana. In seguito molti autori hanno proceduto a rivalutare il senso comune, negando che si possa parlare di reale alternatività tra l'immagine da esso proposta e quella scientifica. Davidson, ad esempio, nel sostenere che il concetto di verità oggettiva sorge soltanto in ambito comunicativo, afferma che la comunicazione è la base cui ricondurre non soltanto l'oggettività, ma anche la soggettività e l'intersoggettività. Il rischio è che simili proposte conducano as una sostanziale sottovalutazione dell'impresa scientifica. Scopo della ricerca è indagare in modo sistematico questo punto, rilevando che la scienza, pur non essendo l'unico paradigma della conoscenza, svolge un ruolo essenziale perché (1) ci fa comprendere che il mondo può essere diverso dall'imagine che di esso ci fornisce il senso comune, e (2) apre l'accesso a dimensioni del reale che ci erano prima ignote, mettendo in dubbio la tesi - oggi assai diffusa - dell'identità tra la realtà e la nostra cornice concettuale di riferimento. A differenza di quanto asserito da autori dei nostri giorni (Putnam, Goodman, ecc.) non è corretto assimilare realtà in quanto tale e "realtà per noi", poiché ciò porta a concludere che non esiste alcun livello del reale inaccessibile alle nostre capacità cognitive. Si intende inoltre sottolineare che la strumentazione logico-formale gioca in questo contesto un ruolo di fondamentale importanza, consentendo di raggiungere risultati migliori di quelli ottenibili con l'adozione di modelli (ad es. quello ermeneutico) che rifiutano esplicitamente l'utilizzazione delle tecniche logiche.

Obiettivi specifici del programma: 1. Organizzazione di un workshop permanente di interscambio tra filosofi della scienza, logici e storici della scienza. 2. Pubblicazioni di articoli e monografie su: - tematiche relative al problema del realismo scietifico. - tematiche relative ai rapporti tra comunicazione e intersoggettività.


back to top


2. Ricerca Nazionale MURST 97-99 - filosofia del linguaggio e scienze cognitive:

Coordinatore: Carlo Penco (con L. Montecucco, P.A.Rossi, A. Papone et alia)

FILOSOFIA ANALITICA E INTELLIGENZA ARTIFICIALE: SEMANTICHE PROCEDURALI E RAGIONAMENTO CONTESTUALE

(partecipa alla ricerca coordinata da Diego Marconi su: FILOSOFIA ANALITICA STORIA, TENDENZE, PROBLEMI ATTUALI, in collaborazione con le università di Bologna (Paolo Leonardi), Cagliari (Marco Santambrogio), Firenze (Alberto Peruzzi), Genova (Carlo Penco), Padova (Ernesto Napoli), Roma III (Rosaria Egidi), Siena (Gabriele Usberti), Torino (Carla Bazzanella), Torino-Vercelli (Diego Marconi), Trieste (Marina Sbisa).

Descrizione del Programma di Ricerca

Il programma si propone di evidenziare le connessioni teoriche tra le idee guida della filosofia analitica (da Frege in poi) e gli sviluppi dell'I.A. con particolare riferimento alle logiche intensionali, alle semantiche procedurali e al ragionamento contestuale.

1997-1998

1998-1999

Descrizione del programma nelle sue linee teoriche generali:

Il presente progetto vuole individuare le possibili interrelazioni tra la filosofia analitica e l'Intelligenza Artificiale. La ricerca si inserisce quindi nel contesto delle attuali ricerche interdisciplinari sulla trattazione formalizzata (e non) del linguaggio naturale, in linguistica, logica, intelligenza artificiale e scienze cognitive in generale. La prospettiva è quella di utilizzare gli strumenti concettuali della filosofia analitica per affrontare alcuni dei problemi di frontiera della Intelligenza Artificiale e in particolare l problema della rappresentazione del ragionamento di senso comunque o ragionamento incerto. In anni recenti, una attenzione particolare è stata dedicata alla rappresentazione del ragionamento di senso comune, che pone ostacoli apparentemente insormontabili per il trattamento fatto nei termini della logica matematica classica. Diversi formalismi, dalle logiche della circumscription (Mc Carthy) alle logiche probabilistiche (Kyburg), hanno affrontato questo tipo di problemi. Che tipo di rappresentazione sono queste? Non sono certo rappresentazioni che pretendono di avere un valore simulativo dei processi mentali, ma sono pur sempre una rappresentazione della capacità inferenziale effettiva, del ragionamento di senso comune, della comprensione di un parlante intesa come capacitö pratica di interagire con una base di conoscenza. Il progetto prende spunto da questa osservazione per cercare di isolare ed evidenziare nell'ambito dell'Intelligenza Artificiale una strategia di ricerca che si ricollega idealmente alle tematiche della filosofia analitica nelle sue linee di ricerca fondamentali (in particolare gli autori di orientamento fregeano).

Si individuano quattro domande di fondo e altrettante strategie di risposta:

(1) quali paradigmi emergenti possono offrire una prospettiva di chiarificazione al problema della rappresentazione del ragionamento (e in generale alla rappresentazione della conoscenza) in una prospettiva non necessariamente legata alla psicologia? Tra questi risultano particolarmente stimolanti le semantiche procedurali, (Johnson-Laird, Woods) a partire dalla quali è forse possibile ridefinire il concetto generale di "significato" come 'procedura', ricollegandosi a tradizioni consolidate nella filosofia analitica contemporanea (le interpretazioni di Frege date da Dummett e Prawitz).

(2) Il ragionamento di senso comune si basa sulla competenza semantica (v. Marconi ), e in particolare sulla competenza inferenziale, capacitö di elaborare connessioni tra concetti (aspetti di competenza referenziale possono essere sviluppati nell'ambito della discussione sulle procedure di cui al punto 1). Normalmente la competenza inferenziale viene trattata con reti semantiche e, in linea di massima, le reti semantiche sono traducibili in insiemi di postulati di significato. Basta una rappresentazione a reti semantiche o a insiemi di postulati di significato? Le ricerche delle logiche non monot÷ne o probabilistiche possono dare un aiuto a chiarire gli aspetti più problematici della competenza inferenziale? Si suggerisce la possibilitö di estendere l'uso delle formalizzazioni del ragionamento contestuale (McCarthy, Giunchiglia ) al trattamento di questo livello di generalitö.

(3) Il ragionamento riguarda non solo contenuti, ma anche tipi di azione linguistica possibile. A quale livello è depositata questa competenza e quale formalizzazione possibile riesce a darne una rappresentazione? Una tradizione della filosofia analitica (quella degli 'atti linguistici', a partire da Austin e Searle) si è scontrata con questo problema che oggi è di particolare rilevanza per le Scienze Cognitive e gli sviluppi della linguistica computazionale. Alcuni tentativi di formalizzazione degli atti linguistici (come quello di Dalla Pozza e Garola 1995) potranno fornire utili strumenti in tal senso.

(4) A anni di distanza dalla rivoluzione chomskiana, e di fronte alle nuove pretese, in questo contesto, delle ricerche sul Connessionismo, in che modo ha senso oggi parlare di "innatismo"? Fino a che punto la le strutture razionali e la capacitö di ragionare è qualcosa di innato? Un confronto con il Connessionismo, che resta per molti aspetti un controaltare alla strategia di ricerca in I.A. aiuterö la chiarificazione delle differenze di ambiti e scopi. Da una parte lo studio dell'innatismo deve venir affrontato a livello di strutture forse più generali di quelle strettamente sintattiche (vedi ad es. le critiche di Bruner a Chomsky); dall'altro la rappresentazione in I.A. non deve necessariamente impegnarsi sulla risposta alla domanda sull'innatismo, perch* ha come obiettivo la costruzione di strutture di ragionamento e pensiero socialmente condivise e dipendenti da contesti particolari. Ma una discussione sull'innatismo potrebbe comunque imporre restrizioni al tipo di rappresentazioni proposte.

Bibliografia essenziale

back to top



3. PROGETTO CNR COORDINATO da PAOLO LEONARDI MENTE LINGUAGGIO COMPRENSIONE

COMPETENZA SEMANTICA: RAPPRESENTARE IL RAGIONAMENTO DI SENSO COMUNE - Coordinatore locale (Genova) Carlo Penco (con L. Montecucco, P.A.Rossi, A. Papone et alia)

PROGRAMMA SCIENTIFICO

E* possibile una rappresentazione della comprensione che, pur rispettando le specifiche competenze di psicologi e linguisti, non sia una rappresentazione dei processimentali? Alle spalle di questa domanda si può individuare un tentativo di dare una applicazione alla strategia delle Ricerche Filosofiche di Wittgenstein, e del suo antipsicologismo.. A ben vedere, l*antipsicologisamo è sempre stato una costante della semantica di ispirazione logica (da Frege alle semantiche modellistiche di Kripke, Montague, Hintikka); le difficoltà della rappresentazione dei contesti di credenza ha messo in crisi aspetti del paradigma modellistico in semantica e ha aiutato a differenziare il problema della rappresentazione della struttura generale dell*inferenza da quello del contenuto del lessico. Ma tale distinzione rischia di porre uno steccato tra diversi tipi di rappresentazione del significato e della comprensione: da una parte quella della semantica logica, dall*altra quella della semantica a carattere lessicale. Il presente progetto è individuare le possibili interrelazioni tra le due componenti. La ricerca si inserisce quindi nel contesto delle attuali ricerche interdisciplinari sulla trattazione formalizzata (e non) del linguaggio naturale, in linguistica, logica, intelligenza artificiale e scienze cognitive in generale. La prospettiva é quella di utilizzare gli strumenti concettuali della filosofia analitica per affrontare il problema della competenza semantica; con questo termine si intendono le diverse componenti della competenza (linguistica) rispondenti a diversi livelli in cui si suddivide lo studio del significato linguistico, o semantica: l'analisi del lessico, la componente strutturale e il problema del riferimento. Tradizionalmente i primi due livelli sono stati trattati rispettivamente dalla linguistica e dalla logica. A livello teorico molto é stato fatto anche nel campo del terzo problema in logica e filosofia del linguaggio. Questi campi vengono inoltre affrontati con nuovi metodi in Intelligenza Artificiale. e nelle Scienze Cognitive. In anni recenti, una attenzione particolare è stata dedicata alla rappresentazione del ragionamento di senso comune, che pone ostacoli apparentemente insormontabili per il trattamento fatto nei termini della logica matematica classica. Diversi formalismi, dalle logiche della circumscription (Mc Carthuy) alle logiche probabilistiche (Kyburg), hanno affrontato questo tipo di problemi. Che tipo di rappresentazione sono queste? Non sono certo rappresentazioni che pretendono di avere un valore simulativo dei processi mentali, ma sono pur sempre una rappresentazione della capacità inferenziale effettiva, del ragionamento di senso comune, della comprensione di un parlante intesa come capacità pratica di interagire con una base di conoscenza. Il progetto prende spunto da questa osservazione per cercare di isolare ed evidenziare nell*ambtito dell*Intelligenza Artificiale una strategia di ricercha che si ricollega idealmente a quegli aspetti dell*antipsicologismo wittgensteiniano cui abbiamo accennato all*inizio.

Gli OBIETTIVI della ricerca sono quelli di una unificazione di diverse straegie di ricerca in atto nell*Intelligenza Artificiale e in Filosofia del Linguaggio all*interno di un paradigma unificante. La ricerca di pardigmi unificanti è alla base della ricerca scientifica e la frammentazione in atto, che è simbolo di vivacità della ricerca, rischia di far perdere quantità di tempo di lavoro, pur avendo a disposizione già diversi strumenti concettuali, lasciati in disparte perché ancora privi di un contesto unificante in cui funzionare. Questo lavoro dovrebbe portare a: - seminari interdisciplinari - libri e articoli scientifici - software (con riferimento a sviluppi del Contextual Reasoning in GETFOL

Le ARTICOLAZIONi della ricerca riguardano alcuni dei problemi principali che si pongono di fronte all'obiettivo di fondo: (1) quali paradigmi emergenti possono offrire una prospettiva di chiarificazione all'idea di comprensione intesa in senso non psicologistico? Tra questi risultano particolarmente stimolanti le semantiche procedurali, a partire dalla quali é forse possibile ridefinire il concetto generale di "significato" come procedura, ricollegandosi a tradizioni consolidate nella filosofia analitica contemporanea (Dummett, Prawitz). (2) La competenza è in gran parte competenza inferenzaiale. Normalmente viene trattata con reti semantiche e, in linea di massima, le reti semantiche sono traducibili in insiemi di postulati di significato. Basta una rappresentazione a reti semantiche o a insiemi di postuilati di signiticato? Le ricerche delle liogiche non monotòne o probabilistiche possono dare un aiuto a chiarire gli aspetti più problematici della comptetenza inferenziale? (3a) la competenza semantica non é solo competenza di contenuti, ma anche competenza di tipi di azione linguistica possibile. A quale livello é depositata questa competenza e quale formalizzazione possibile riesce a darne una rappresentazione? Una tradizione della filosofia analitica (da Austin a Searle) si é scontrata con questo problema che oggi é di particolare rilevanza per le Scienze Cognitive e gli sviluppi della linguistica computazionale. (3b) Si può parlare di competenza senza tenere presente la capacità di riferirsi a oggetti nel mondo? Si può dare una teoria del significato basandosi solo su simulazioni al computer (o su teorie linguistiche tradizionali) senza toccare il problema del rapporto effettivo con la realtà extralinguistica? Il problema, che tradizionalmente é stato descritto come il problema del contrasto tra Dizionari e Enciclopedie (v.Eco, Marconi, Putnam) diviene quello di analizzare il problema della competenza referenziale come una componente ineliminabile di una analisi semantica effettiva del linguaggio naturale (e vedere quindi le possibilità offerte dalle simulazioni connesse alla robotica e ai sistemi di visione). (3c) A anni di distanza dalla rivoluzione chomskiana, e di fronte alle nuove pretese, in questo contesto, delle ricerche sul Connessionismo, in che modo ha senso oggi parlare di "innatismo"? Fino a che punto la competenza semantica é qualcosa di innato, e quali strategie permettonon un suo migliore e più facile sviluppo?

FASI della ricerca: nel corso del primo anno si sono svolti incontri di discussione e sono state elaborate le strategie di lavoro e la divisione dei temi proposti. Nel secondo anno si sono confrontati i risultati delle diverse unità operative delle diverse Università e si è cercata una prospettiva in parte unificante i diversi risultati. Nel terzo anno si giungerà a una elaborazione complessiva del lavoro svolto, dando espressione ai risultati in forme tangibili (con un Convegno e diverse pubblicazioni sul tema discusso).

back to top



4. Ricerca CNR coordinata a livello nazionale dal Prof. Silvano Tagliagambe Titolo del progetto nazionale: NUOVE TENDENZE METODOLOGICHE IN MATEMATICA, INFORMATICA, LOGICA E NELLE SCIENZE EMPIRICHE. Università partecipanti: Università di Roma I "La Sapienza" (Carlo Cellucci), Roma Luiss (Dario Antiseri), Cagliari (Silvano Tagliagambe), Genova (Michele Marsonet), Salerno (Roberto Cordeschi), Bari (Vito M. Abrusci), Siena (Mirella Capozzi), Trento (Sergio Galvan), Cosenza (Angelo M. Petroni).

APPLICAZIONE DEI MODELLI LOGICI NELL'EPISTEMOLOGIA E NELLE SCIENZE Responsabile scientifico: Michele Marsonet - (con E. Agazzi, D. Palladino, et alia)

Programma scientifico

Il gruppo di ricerca di Genova si occupa dei rapporti tra logica e filosofia della scienza con lo scopo di dimostrare la stretta connessione tra i due ambiti d'indagine. La logica matematica, infatti, costituisce uno strumento indispensabile ai fini dell'analisi metodologica delle varie scienze. In questo senso, le tecniche offerte dalla logica formale contemporanea forniscono all'epistemologo l'opportunità di analizzare da un punto di vista rigoroso il linguaggio della disciplina scientifica che rappresenta il suo oggetto di studio.

Il lavoro del gruppo genovese si svilupperà lungo le seguenti direttrici:

(1) Determinare quali risultati si possono raggiungere mediante l'applicazione di modelli logici e delle tecniche logico-formali all'analisi metodologica delle scienze empiriche. E' in questo caso utile un esame approfondito della struttura logica della individuazione sia nei linguaggi scientifici che in quelli naturali. A tal fine, verranno indagati dal punto di vista logico alcuni classici problemi della semantica delle scienze empiriche, con particolare riferimento alla questione del realismo scientifico. Si prenderanno soprattutto in considerazione i lavori di B. van Fraassen. (2) Dimostrare che la strumentazione logico-formale gioca un ruolo essenziale nel modello di spiegazione naturalistico all'interno delle scienze storico-sociali. (3) Analizzare i rapporti tra la logica e l'Intelligenza Artificiale, applicando metodi probabilistici nel settore della rappresentazione della conoscenza in sistemi esperti e chiarendo dal punto di vista storico il contrasto tra Intelligenza Artificiale tradizionale e Connessionismo. (4) Approfondire le tematiche relative ai rapporti tra la logica e l'epistemologia della matematica, esaminando criticamente alcune delle recenti proposte riguardanti tali rapporti come, ad esempio, quella post-empirista.

Le direttrici di ricerca sopra menzionate sono strettamente correlate, e sono articolate in modo da fornire un quadro sufficientemente unitario degli attuali rapporti tra logica e filosofia della scienza.

OBIETTIVI, ARTICOLAZIONI E FASI DELLA RICERCA

Obiettivi della ricerca

Il gruppo di ricerca di Genova si propone di chiarire il ruolo unificante svolto dalle tecniche logico-formali nell'attuale ricerca epistemologica. A tal fine, si intende dimostrare che tali tecniche risultano indispensabili nell'analizzare la semantica delle teorie empiriche e il problema del realismo scientifico, il contrasto tra I.A. tradizionale e modello connessionista, il modello di spiegazione naturalistico nelle scienze storico-sociali, e i problemi posti dall'attuale epistemologia della matematica. Questo lavoro dovrebbe condurre a: - seminari interdisciplinari periodici; - pubblicazioni di volumi e articoli scientifici.

Articolazioni della ricerca

Le articolazioni della ricerca riguardano alcuni dei maggiori problemi che l'epistemologia odierna sta affrontando. In particolare, l'attuale passaggio dal paradigma analitico a quello post-analitico in logica e filosofia della scienza ha indotto alcuni autori (ad es. R. Rorty) a svalutare il ruolo svolto dalla logica formale nella ricerca epistemologica, esaltando altresì quello della retorica e dell'intuizione. Si intende dimostrare che la svolta post-analitica, se perseguita senza le opportune distinzioni, rischia di disperdere il patrimonio della filosofia scientifica del '900. A questo fine, la ricerca si articolerà in una prima fase di raccolta del materiale rilevante, in una seconda fase dedicata all'approfondimento teoretico dei temi indicati nel programma generale, e in una fase conclusiva in cui verranno raccolti i risultati conseguiti.

Fasi della ricerca:

Nel primo anno saranno organizzati seminari per elaborare le strategie di fondo della ricerca. Nel secondo anno verranno posti a confronto i risultati raggiunti dalle unità operative facenti capo a diverse Università. Nel terzo anno verrà elaborato il lavoro complessivamente svolto. Nella prima e seconda fase saranno quindi organizzati seminari periodici, sia interni all'unità genovese sia in collaborazione con i membri delle altre unità componenti il progetto nazionale. Nella terza fase verrà organizzato un Convegno conclusivo, i cui atti raccoglieranno i risultati raggiunti.

back to top



2000/2/2


Torna a Home Page